guacamole all’italiana e piadina di passaggio

guacamole all’italiana e piadina di passaggio

Stanno per iniziare le olimpiadi e in queste occasioni io e zoltar ci sentiamo sempre molto patriottici. La nostra preparazione atletica solitamente prevede grandi spaghettate al pomodoro e basilico seguite (o precedute, a caso) da indigestioni di mozzarelle origanate.
Ultimamente, come si sarà ormai capito, mi sono incapricciata dell’avocado che consumo in allegra quantità con la scusa del grasso insaturo, gli Omega-3 che fan bene alla pelle, le vitamine eccetera. Quindi quest’anno, novità: al consueto menù patriottico si è aggiunto il guacamole, versione all’italiana in onore dei nostri biancorossoeverdi. Ci ho messo il limone al posto del lime, il cipollotto di Tropea e un po’ di pesto in versione minimale (vale a dire senza formaggio e senza aglio). Poco ortodosso ma buono, molto buono.
E ora, si sventolino le bandiere!

ingredienti
1 avocado maturo
1 cipollotto di Tropea
4 pomodorini ciliegia
il succo di 1/2 limone
1 manciata di basilico
1 manciata di pinoli
olio extra vergine d’oliva
sale e pepe

Tagliate a metà l’avocado ed estraete la polpa con un cucchiaio. Schiacciatela con una forchetta oppure tagliatela a pezzi piccoli se preferite un guacamole meno “effetto puré”. Spruzzate subito con il succo di limone altrimenti l’avocado si ossida. Aggiungete i pomodorini tagliati a pezzetti e il cipollotto tritato.
Frullate velocemente il basilico con i pinoli e poco olio, fino a ottenere un pesto grossolano. Versatelo sul guacamole e condite il tutto con sale e pepe. Consumatelo subito: purtroppo il guacamole non si conserva, tende a diventare molliccio e decisamente poco invitante dopo poche ore.

Cosa fare con il guacamole?
Io solitamente lo accompagno a crostini di pane ma stavolta l’ho usato per un burrito… all’italiana, sempre per restare in tema.
Piadina farcita con guacamole e formaggio di capra. Da gustare con calma olimpica.

Save


Related Posts

zucca croccante con salsa di sesamo e pistacchi

zucca croccante con salsa di sesamo e pistacchi

Ultimamente medito spesso sul fatto che sono la persona più onnivora che conosco. Mi sono resa conto del fatto che, se lo dico senza specificare bene cosa intendo, la gente non mi capisce: essere onnivora non significa essere di bocca buona. E qui, infatti, arriva […]

Ode all’avocado (when in doubt, put some avocado on it)

Ode all’avocado (when in doubt, put some avocado on it)

Oggi sono arrivata al punto di non ritorno: ho mangiato volontariamente avocado a pranzo e a cena. La dipendenza da avocado è una cosa subdola, ostile, che si dirama melliflua e ti entra nelle vene: avvinta come l’edera. L’avocado ti sceglie e ti domina, con […]



lascia un commento