il brodo primordiale

il brodo primordiale

Si parla spesso di cibo della memoria: credo che io saprei ricostruire una mappa dettagliata di tutto ciò che ho fatto finora attraverso il ricordo di ciò che ho mangiato. Non sono molto brava con facce e circostanze ma difficilmente dimentico un buon piatto, l’odore della cucina, un sapore. Naturalmente, la mia vita è un tripudio di madeleine: mi ritrovo continuamente, annusando e assaggiando, a ricordare intensamente qualcosa o qualcuno.

Quando bevo un buon brodo non posso fare a meno di pensare a quello (tuttora impossibile da riprodurre) di mia nonna Nori, maestra elementare e maestra in pentoloni.
Era una figura leggendaria, perennemente vestita e ingioiellata di turchese, che sapeva a memoria mezza Divina Commedia. Famosa per le sue battute fulminanti e il suo piglio comandino, ci riforniva in quantità industriali di robusta cucina del nord est, polenta sempre e comunque, spezzatino anche a ferragosto. A merenda, tazze enormi di crema bollente con i biscotti (“vuoi un ovetto di crema?”).
Il suo brodo era saporitissimo perché fatto con un’incredibile varietà di carni a cui veniva aggiunta, per vezzo (salutistico?), un po’ di scorza di limone. Spesso faceva la minestra con il riso, come questa che ho fatto io qualche giorno fa: ci ho messo la scorza di limone grattugiata e anche un po’ di noce moscata che mi ricorda i passatelli di mia zia Renata – piatto fisso del giorno di Pasqua per anni e anni.

Quando mia nonna  se n’è andata – di venerdì Santo, come Nostro Signore – ci ha lasciato una casa stracolma di oggetti turchesi (anche la carta igienica) e un freezer a pozzetto enorme, di quelli da gelato, pieno di qualunque cosa. Dalle lingue salmistrate intere, che si affacciavano tra il ragù e le faraone, al suo famoso brodo. Per mesi e mesi abbiamo brindato e mangiato alla sua memoria con i suoi piatti: era proprio come se lei fosse a tavola con noi.

Per questo, ogni volta che sento parlare degli studi sul brodo primordiale mi viene da ridere e ripenso al freezer di mia nonna Nori: non poteva lasciarci un’eredità più azzeccata.

 


Related Posts

Classicone con il brodo arrogante: risotto alla zucca e salsiccia

Premetto che impazzisco per i risotti e che ho fatto voto di non usare mai più il dado. Qui ho usato un bel brodo robusto, di quelli arroganti, con gli “occhi” (come si chiamano dalle mie parti) di grasso che ti guardano con aria di […]

riso, daini e caprioli

riso, daini e caprioli

Sono stata in gita in un posto incantato, la Riserva San Massimo. Le intenzioni erano, tanto per cambiare, mangerecce: alla Riserva producono un riso Carnaroli strepitoso e intendevo farne razzia. Related



lascia un commento