Classicone con il brodo arrogante: risotto alla zucca e salsiccia

Premetto che impazzisco per i risotti e che ho fatto voto di non usare mai più il dado.

Qui ho usato un bel brodo robusto, di quelli arroganti, con gli “occhi” (come si chiamano dalle mie parti) di grasso che ti guardano con aria di sfida. E con il manzo e il pollo a contendersi lo scettro di reginetta in pentola a colpi di zoccoli e di becco.

Le dosi della ricetta sono abbastanza indicative (di solito io peso solo il riso) ma il procedimento è molto preciso: seguitelo alla lettera se siete principianti del risotto, altrimenti ignoratemi!

ingredienti per due persone
200 g riso Vialone Nano o Carnaroli (io ho usato quello della Riserva San Massimo)
un bel pezzo di zucca, possibilmente mantovana
una salsiccetta
una cipolla bianca
un litro di brodo di carne
mezzo bicchiere di vino bianco
burro (io ho usato burro di malga della Carnia gentilmente fornito da mamma e papà artemisia)
olio extra vergine d’oliva
parmigiano
sale e pepe

Procedimento
Soffriggete la cipolla tritata con metà olio e metà burro.
Aggiungete la salsiccia tagliata a pezzi, fatela rosolare e unite la zucca sbucciata e tagliata a dadini. Cuocete tutto a fuoco dolce per cinque minuti, nel frattempo portate il brodo a ebollizione.
Alzate la fiamma al massimo, unite il riso e fatelo tostare mescolando velocemente per un minuto. Aggiungete il vino e fatelo evaporare.
Aggiungete un mestolo di brodo e iniziate a cuocere il risotto a fuoco medio, mescolando molto spesso.
Quando il brodo è stato assorbito dal riso, aggiungere un altro mestolo e così via fino a fine cottura. Il riso deve rimanere piuttosto al dente perché continuerà a cuocere anche dopo che avrete spento il fuoco.
Mantecate il risotto con una bella noce di burro e il parmigiano grattugiato.
Servite con un po’ di pepe macinato al momento.
Il momento più bello è ripulire la padella con il cucchiaio di legno, proprio quando pensate che il risotto sia finito.

 

Save


Related Posts

zucca croccante con salsa di sesamo e pistacchi

zucca croccante con salsa di sesamo e pistacchi

Ultimamente medito spesso sul fatto che sono la persona più onnivora che conosco. Mi sono resa conto del fatto che, se lo dico senza specificare bene cosa intendo, la gente non mi capisce: essere onnivora non significa essere di bocca buona. E qui, infatti, arriva […]

autunno is in da house

autunno is in da house

Fino a poco tempo fa zoltar, che ama perdutamente l’autunno, se ne lamentava senza requie: quest’anno il clima milanese così pazzerello gli ha scippato i colori della sua stagione preferita. Ora non c’è dubbio: autunno is in da house. Related



5 thoughts on “Classicone con il brodo arrogante: risotto alla zucca e salsiccia”

  • Questa e’ la prima ricetta della BeTTa nella quale suggerisco di specificare un ingrediente. Sono pochi gli ingredienti con cui sono cresciuta. Uno fra questi e’ la zucca Mantovana. Il risotto alla zucca che preferico non puo’ esimersi dall’utilizzo di una zucca rigorosamente mantovana e da un tipo riso rigorosamente Vialone Nano.

  • la zucca mantovana è un ottimo suggerimento ma ti confesso che qua a Milano trovarla buona è un azzardo… e per quanto riguarda il riso, anche per me il vialone nano è il migliore e ho sempre usato quello ma devo dirti che il Carnaroli del produttore che ho nominato tra gli ingredienti è altrettanto buono. E nota che a me il Carnaroli non è mai piaciuto! Secondo me se lo assaggi capisci 😉 Prova a vedere se lo trovi a Bologna da Eataly!

  • Anch’io niente dado! Ma a volte aggiungo miso bianco (non quello rosso!), non ha un sapore troppo caratteristico e insaporisce senza modificare il gusto per cui va bene anche per cose all’italiana. La salsa si soia effettivamente è rischosa da usare.

  • quella del miso è un’ottima idea! ma lo metti alla fine vero? perché mi risulta che se fai cucinare il miso diventa amaro… o sbaglio?

lascia un commento