Apple pie alle tre spezie: la torta di mele che vorrei come profumo

Apple pie alle tre spezie: la torta di mele che vorrei come profumo

Come funziona la vita del freelance a Milano?
Uno degli infiniti motivi per cui sono un’irriducibile libera professionista è che posso mettere in borsa il Mac, uscire e piazzarmi a lavorare là dove mi porta l’umore.

Qualche giorno fa mi sono fermata da Panini Durini e ho assaggiato un’apple pie davvero buona. Solitamente la torta di mele simbolo d’America – e di Nonna Papera – non mi piace molto, nella maggior parte dei casi la trovo troppo dolce e impegnativa per la digestione. Questa invece era pressoché perfetta: più leggera dell’originale, senz’altro non ortodossa ma molto più vicina ai miei gusti.

God Save Panini Durini: l’unica catena milanese dove è ancora possibile trovare cibo di buona qualità e mai tremendamente pesante, free wi-fi e un ambiente amichevole dove puoi perfino fissare una riunione di lavoro senza sentirti fuori posto. Una certezza per la piccola artemisia, selvatica digitale.

 

apple pie alle spezie verticale

 

La torta di oggi è dunque dedicata a quella che mi ha svoltato il pomeriggio, quando proprio non volevo saperne di finire l’articolo che stavo scrivendo. La base è quella delle mie crostate ma stavolta mi sono sfogata con le spezie. E una dose di mele da combattimento.

Pasta frolla allo zenzero, marmellata al cardamomo e mele alla cannella… Praticamente una bomba di aromi, qui dosati in modo puramente indicativo: perché in realtà io amo esagerare con le spezie e assaggio – pizzico dopo pizzico – finché non ottengo quello che per me è l’effetto droga, o meglio l’effetto drogheria. Fai come me!

Il profumo di questa torta è così inebriante che ti verrà voglia di spalmartela addosso come se fosse un’eau de toilette (sempre che ne avanzi).

Lettura consigliata mentre ti annoi davanti al forno: I viaggi di Green Kitchen (Guido Tommasi Editore, €29.90), che non c’entra niente con la ricetta ma è un gran bel libro. Non so tu, ma io amo leggere di ricette mentre preparo altre ricette. 

 

Apple pie alle tre spezie

08/02/2018

By:

Ingredients
  • 500 g di farina 00
  • 250 g di burro tagliato a cubetti
  • 180 g di zucchero
  • 3 tuorli d'uovo
  • 1 pizzico di sale
  • 1 cucchiaino di zenzero in polvere
  • 2 cucchiai di marmellata ai frutti di bosco
  • 1/2 cucchiaino di cardamomo in polvere
  • 1 kg di mele golden sbucciate e tagliate a fettine
  • 2 cucchiaini di cannella
  • 6 savoiardi
Directions
  • Step 1 Lavora con la planetaria o con la punta delle dita burro e farina, fino a ottenere un composto sabbioso.
  • Step 2 Aggiungi uova, sale, zenzero e tutto lo zucchero tranne un cucchiaio. Amalgama e impasta velocemente, senza scaldare troppo.
  • Step 3 A questo punto dovresti mettere il tutto a riposare in frigo per circa un’ora: in realtà io non lo faccio mai e la frolla si stende benissimo lo stesso. A te la scelta!
  • Step 4 Dividi l’impasto in due porzioni e stendine una in un disco ampio. Trasferiscilo in uno stampo apribile imburrato del diametro di 22 cm. L’impasto dovrà arrivare fino al bordo: ritaglia l’eventuale eccedenza.
  • Step 5 Copri il fondo con la marmellata mescolata al cardamomo e aggiungi le mele insaporite con la cannella insieme ai savoiardi tagliati a cubetti (servono ad assorbire l’eccesso di umidità delle mele).
  • Step 6 Stendi l’impasto rimasto e ricava delle strisce ampie per decorare la torta.
  • Step 7 Disponi lo stampo su una teglia rivestita di alluminio, per evitare che i succhi di cottura delle mele, colando, sporchino il forno, e inforna a 180° per circa 55 minuti. Verso fine cottura, quando la superficie della torta inizierà a dorarsi, spolvera con lo zucchero rimasto.
  • Step 8 Lascia raffreddare perfettamente prima di aprire la cerniera dello stampo. Fallo per me: NON cedere alla barbara tentazione di servirla con una pallina di gelato. La torta si offende (e tu ingrassi, tiè!).

 


Related Posts

torta alle nocciole e cioccolato (requiem per un nocciolo domestico)

torta alle nocciole e cioccolato (requiem per un nocciolo domestico)

C’era una volta, nel giardino del profondo nordest di mamma e papà artemisia, un bel nocciolo che produceva ogni anno una sostenuta quantità di frutti. Era un albero bassino ma orgoglioso, un po’ invadente ma di solido aspetto. Related

torta austerity ai fiocchi di latte

Ieri, aprendo il frigorifero, ho notato la solita confezione abbandonata di fiocchi di latte. Quella che occhieggia sconsolata, immangiata e immangiabile. Quella risalente a una delle ultime volte che ti sei sentita grassa. Related



lascia un commento